Il nostro 

lavoro

STORIA

La nascita della Cooperativa 

Cooperativa Sociale Teranga è nata nel Novembre 2015 dall’incontro di persone con competenze e conoscenze di diversa provenienza sia a livello geografico che di percorso formativo e lavorativo. In particolare, si è sviluppata dall’esperienza di un associazione creata nel 2004 da un gruppo di migranti Senegalesi residenti nel ravennate.

 

Presenti in Italia da diversi anni e con una formazione scolastica universitaria, hanno deciso di fondare l’Associazione Global Solidarietà, per dare un supporto e accompagnare i loro connazionali, appena arrivati o in difficoltà, alla buona riuscita delle pratiche amministrative: per i rinnovi dei permessi di soggiorno, per accedere ai servizi del territorio, etc…essendo le questioni burocratiche in Italia molto complicate e quasi inesistenti in altri paesi, soprattutto africani.

 

I volontari dell’associazione hanno permesso quindi ai loro connazionali e alla popolazione straniera in generale di conoscere ed accedere ai loro diritti fondamentali. 

 

Un altro obiettivo dell’Associazione è quello di promuovere la cultura senegalese attraverso l’esperienza culinaria.

L’Associazione ha partecipato a diversi eventi e sagre portando i propri piatti e sapori da poter condividere con la popolazione italiana.

 

Tra i membri dell’associazione sono presenti dei mediatori culturali, professionisti fondamentali: fanno da ponte tra le culture. 

La mediazione linguistica diretta è parte nel percorso d’integrazione e inclusione di cittadini stranieri in Italia. 

 

Nel 2014 questi professionisti iniziano a collaborare con la Prefettura di Ravenna per la mediazione linguistico-culturale, visti i numeri importanti di Richiedenti Protezione Internazionale che arrivavano dalle coste Libiche, che poi venivano smistati su tutto il territorio Italiano. 

Nel Novembre 2014 l’Associazione, vista l’emergenza, è stato istituito, sotto mandato della Prefettura, un Centro di Accoglienza Straordinaria (CAS), in una frazione del Ravennate, mettendo a disposizione le sue capacità e competenze in termini di mediazione e gestione di popolazione straniera. 

 

Nel 2015 si incontrano in ambito professionale alcuni membri dell’associazione e delle cittadine italiane, alcune delle quali rientrate da esperienze di gestione della popolazione straniera in Francia e Argentina, e decidono di unire le proprie competenze e conoscenze per poter creare un soggetto che possa rispondere in maniera concreta alle esigenze che il settore dell’accoglienza dei richiedenti protezione Internazionale richiede in questo preciso momento storico. 


FOCUS

Mission 

Siamo una cooperativa multiculturale. 

I nostri obbiettivi sono il supporto e l’accompagnamento della popolazione straniera in Italia, ma soprattutto contribuire l’integrazione fra la comunità straniera e la popolazione locale.

L’integrazione non è un processo unilaterale di annullamento di uno dei soggetti a scapito dell’altro, ma un movimento che unisce due realtà, creando così un nuovo insieme che attraversa le differenze culturali. 

 

In quest’ottica si muove Teranga nelle sue azioni, Teranga è una parola Wolof, la lingua più diffusa in Senegal, che si può sommariamente tradurre come ospitalità ma che in realtà esprime molto di più: accoglienza, attenzione, rispetto, gentilezza, allegria e il piacere di ricevere un ospite nella propria casa. 

 

Lo scopo è quello di tentare di abbattere il muro di diffidenza attraverso la conoscenza reciproca tra la comunità locale e la strutture in gestione alla cooperativa che ospitano un utenza straniera(attività principale della Cooperativa in questo momento). 

 

Dar la possibilità agli ospiti della struttura di conoscere e comprendere la cultura italiana attraverso la quotidianità come ad esempio bersi un caffè al bar, mangiare cibo italiano, passare momenti conviviali con i membri della comunità. 

Per la comunità locale può essere occasione per aprirsi e conoscere realtà diverse e lontane da quella in cui vivono. Pensiamo che attraverso questi momenti informali, non inseriti in eventi o attività già organizzate, possa permettere di stabilire con più semplicità un contatto, che si può sviluppare in un legame sincero e positivo. 


SCOPRI 

I nostri progetti 

C.A.S. 

Per la nostra cooperativa l'accoglienza deve essere intesa come accoglienza diffusa nel territorio. 

Difatti per poter costruire dei veri percorsi d'integrazione con le comunità ospitanti, delle strutture con numeri piccoli di ospiti sono

essenziali. 

 

Da un lato per non creare un impatto negativo con i residenti, dall'altro per poter permettere agli ospiti di poter mettersi in relazione con la comunità, senza creare diffidenza e paure.  

In quest'ottica abbiamo deciso di aprire principalmente strutture di piccole dimensioni con massimo 10 ospiti per appartamento. 

In co-gestione con un altro ente operiamo in una struttura collettiva lontano dalla città che può ospitare massimo 40 persone. 

 

In tutte le strutture beneficiari a nostro carico sono uomini adulti soli, le età vanno dai 18 anni ai 37 circa. 

La maggioranza proviene da paesi dell'africa sub-sahariana: Senegal, Gambia, Nigeria, Ghana, Mali, Guinea, Somalia, Costa d'Avorio.

In numeri più esigui anche dall'Asia (Pakistan e Bangladesh). 


C.A.S. Riolo Terme 

Provincia di Ravenna

Da maggio 2016 accoglie 16 ospiti Richiedenti Protezione Internazionale

(in 2 appartamenti da 8 pax)

C.A.S. Pieve Corleto 

Provincia di Faenza

Da novembre 2014 accoglie 20 ospiti Richiedenti Protezione Internazionale 

(in 4 appartamenti) 

C.A.S. Via Malpighi - Faenza

Provincia di Faenza

xxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxxxx

C.A.S. Fossa Ghiaia 

Provincia di Ravenna, Italy

Da ottobre 2017 accoglie 10 ospiti